giovedì 10 marzo 2011

Medicinali scaduti

Non so se si era capito, ma io vivo a Kyoto, ormai da quasi 2 anni.
A Kyoto ci sono vari mercatini delle pulci, tutti a cadenza mensile, tutti allestiti nei templi. Il più famoso di questi si tiene il 25 di ogni mese a Kitano Tenmangu, un altro molto famoso si tiene il 21 al Toji, ma il mio preferito resta sempre quello delle cose fatte a mano che si tiene il 15 al Chionji.
Comunque, quello dove si trovano una marea di cose "vecchie" è proprio il mercatino al Kitano Tenmangu. Ci sono tantissime bancarelle dove poter trovare oggetti, riviste, giochi...dall'aria retrò tipica del periodo Shōwa (per avere un'idea, guardate un po' le foto di questa pagina).
Ovviamente ho una mezza passione per lo stile Shōwa e ogni tanto faccio delle spedizioni esplicitamente mirate a riportare a casa oggetti totalmente inutili.












Il mese scorso non ho fatto un grosso bottino, ma tra le cianfrusaglie raccattate ci sono 2 bustine di medicinali vecchi. Il fatto che dovrebbero essere fuorilegge è del tutto irrilevante, ah ah ah!
Uno è per la tosse (セキドメ sekidome, ovvero blocca-tosse) e si chiama サザピタンA Sazapitan A. Dentro c'è una polverina, la bustina è piccola e piatta e sulla facciata c'è una donnina disegnata con la mano come dopo che ci si è coperti la bocca per tossire. Tutto intorno c'è una cornice di righine rosse e bianche con il contorno azzurro.
Sul retro si riprende il motivo a righine e al centro, in un rettangolo giallo chiaro, ci sono dosaggi, ingredienti e controindicazioni. La data di scadenza è dicembre '89.

L'altro è per il raffreddore (かぜ kaze, raffreddore, o raffreddamento, scritto a caratteri cubitali in rosso) e si chiama, credo, ロンL 錠 Ron L , dico credo perchè il "ro" non è che si capisca bene com'è scritto. Inoltre non so se la "L" di L jō si riferisca alla grandezza delle pastiglie (si, sono pastiglie) oppure no, dato che jō è "pastiglia".
Comunque, lasciando perdere i peli nell'uovo, sul fronte della bustina si può notare un enorme aereo, mi pare da guerra, ma se mi sbaglio correggetemi, e anche il nome del medicinale è posizionato con una certa aerodinamicità! Il tutto ricorda molto il design di un giocattolo, chissà perchè.
Il retro invece mi ha messo in difficoltà perchè cambia completamente soggetto: c'è un coso che sembra un orco, vestito di rosso e con dei grossi orecchini. Sono abbastanza sicura che sia qualche personaggio classico della tradizione giapponese, ma purtroppo ho sempre snobbato queste cose che trovano in me poco interesse, quindi non so chi sia (e il mio ragazzo è a lavoro, quindi non posso chiedere).
La data di scadenza dice gennaio dell'anno 61. Se i miei calcoli sono giusti, e se io sono nata nel 57 dell'epoca Shōwa, l'anno dovrebbe essere il 1986.
Belli belli, sono molto soddisfatta dei miei acquisti! :D

Per il resto, ho delle news. Da aprile inizierò un corso di design di 2 anni e pensavo di fare un blog su questa cosa. Ma già tendo a tralasciare questo, di blog, non so se riuscirei a portarne avanti un altro...provo? Magari senza dover stare dietro alle foto sarebbe meno complicato. A qualcuno potrebbe intere
ssare?

9 commenti:

Anna lafatina ha detto...

Interessante il computo degli anni delle epoche... quanto mi ci vorrei raccapezzare...
Pe il design sarebbe interessante ma in questo blog e con un "capitolo a parte".... un'altro blog ... bho...

Bear ha detto...

Interessante l'idea di aprire un capitolo a parte all'interno di questo blog...studirò la cosa! :)

Anonimo ha detto...

Ciao, il personaggio vestito di rosso sembrerebbe Bodhidharma (Daruma in Giappone) monaco buddhista indiano patriarca dello Zen. Le bamboline giapponesi rosse daruma rappresentano questo personaggio.
Complimenti per l'interessante blog!

Bear ha detto...

Grazie Anonimo! :)
Avevo già avuto uno scambio di idee con una mia amica e in effetti avevamo pensato a un Daruma...chissà! Ma soprattutto chissà perchè la scelta di questo soggetto! :D

SirDiC ha detto...

Io mi chiedo sempre perche' il nome dei medicinali da banco e' quasi sempre della forma "stringa+lettera dell'alfabeto", esempio: Ron L, Sazapitan A, Sutonarini S, Aftacchi A, Adam A....e non fanno eccezione i drink energetici (Oronamin C, Ribopitan D....) Qualcuno puo' sciogliere questo dubbio che mi rode da sempre?
Interessanti comunque le confezioni vintage :)

Bear ha detto...

Ah ah ah ah! E' vero! :D
Saranno le vitamine che ci mettono dentro? Sai, la mania di questo Paese di infilare vitamine e altre cose sconosciute dentro tutto. La vitamina L però non l'ho mai sentita...

Ciala ha detto...

Ho appena scoperto il tuo blog e già mi sta interessando così pieno di foto di packaging *_* Una sezione sul tuo corso di design sarebbe fantastica!
Beh, piacere di conoscerti^_^

Bear ha detto...

Ciao Ciala!!! Benvenuta nel blog!
Grazie per i complimenti, ma anche tu hai un blog davvero kawaiiii(strizzamento di occhi e pugni chiusi davanti alla bocca), tanto per rimanere in tema.
Sto davvero pensando di fare una sezione a parte per il corso...devo studiare bene la cosa! :)

Fabia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.