mercoledì 7 ottobre 2009

Parrucchieri tamarri


E dopo 6 mesi qua a Kyoto ho sentito la necessità di andare dal parrucchiere, dopo 2 anni che non tagliavo i capelli.
Questo post è un po' diverso dagli altri, ma tutto sommato credo che il servizio ai clienti possa comunque essere considerato un modo di presentare un prodotto. E quindi oggi si parla di parrucchieri tamarri giapponesi. Tamarri perchè come vuoi chiamarli dei ragazzotti ingellati, coperti di tatuaggi e con le scarpe a punta? Ma adorabili! :D ("Il tamarro è sempre in voga perchè non è di moda mai" -citazione colta-)

Il salone dove sono andata si chiama Muse e si trova a 100 metri da casa mia. Consigliato dalla mia ex-coinquilina taiwanese Peggy, per i prezzi molto convenienti (Taglio e shampoo 3150 yen, ovvero circa 25 euro).
Dopo aver preso appuntamento, oggi finalmente sono andata.
Appena entrata sono stata braccata da 2 del personale: una mi ha preso l'ombrello, l'altro la borsa e poi mi hanno fatto sedere.
Mi hanno fatto compilare una scheda, presumo per inserirmi nel computer. Dopodichè il tipo della borsa, che poi scoprirò chiamarsi Gō, mi si siede vicino e inizia a chiedermi dettagliatamente come voglio tagliare i capelli. Quindi mi spiega cosa farà, mi dà dei consigli del tipo che è meglio che prima me li taglia solo un po', poi vedo come ci sto e a quel punto, se voglio, me li taglia ancora e cose di questo genere. Tutto ciò credo sia durato un 10 minuti buoni.
Gō va via e arriva una ragazza, mi dice che mi farà lo shampoo e mi accompagna alla postazione.
A questo punto arriva il bello. A parte il fatto che appena mi siedo la tipa mi mette una copertina sulle ginocchia, e già lì avevo le lacrime agli occhi.
Ma dopo la copertina la tipa dice qualcosa e la sedia inizia ad alzarsi e allungarsi: in pratica per fare lo shampoo ti mettono in posizione supina con la testa nel lavandino, ovviamente. Una posizione tremendamente comoda! ^_^
Tutto ciò evita quel tremendo fastidio/dolore al collo che viene ogni volta che si fa uno shampoo dal parrucchiere in Italia. O almeno, il fastidio che provo IO quando mi lavano i capelli.
Poi mi mette una pezzuola sulla faccia così da potermi lavare senza preoccuparsi di darmi fastidio stusciandomi i vestiti addosso (ho notato che i capelli te li lavano dal lato, non da dietro).
E inizia a chiacchierare, come tutte le parrucchiere del mondo :D.

Finito lo shampoo la sedia rientra alla sua postazione e lei e Gō mi fanno sedere in una delle postazioni da taglio.
A questo punto lui inzia ad elencarmi per filo e per segno tuuuuuutto quello che fa , mentre lo fa. Ma dico proprio tutto. E ogni volta mi chiede se va bene, se sono convinta ecc ecc... Ogni volta che finisce una fase del taglio, con un enorme specchio apribile, mi fa vedere come sono venuti dietro.

Finito il taglio, senza capire quello che stava succedendo, mi sono ritrovata di nuovo sulla poltrona estendibile, in mano alla sciampista che ormai chiacchierava a ruota libera. Credo che il motivo del secondo shampoo fosse di togliere, sapete tutti i capellini che ti cadono sulla maglia dopo il taglio? Ecco, quelli! *_* .......Fantastico!

Dopo il secondo shampoo ritorno in una delle postazioni e Gō si informa su come voglio la piega, su come me li asciugo di solito e su cosa ci metto quando li lavo a casa. E segue esattamente le indicazioni che gli dò io. Esattamente!
Il tutto facendo 4 chiacchiere, nelle quali si infiltra anche la sciampista che risulterà essere particolarmente comica ("Vorrei andare a Milano. Ma Milano è in Italia? No, perchè voglio vedere la Cappella Sistina!" "Forse intendi Roma?" "Ah, perchè, Roma è in Italia?"...era troppo kawaiiiiiiii >_<).

Infine vado a pagare. Dopo aver pagato, sempre Gō mi dà una specie di card con tutti i dati del negozio e, appena stampati da una macchinetta apposita, i miei dati, i suoi dati, la data e i giorni di chiusura del salone dei prossimi 2 mesi, cosicchè, nel momento in cui avessi avuto qualche problema con i capelli, avrei saputo a chi potermi rivolgere con precisione.

A quel punto, ancora stordita dalla card, saluto tutti ed esco. Siccome aveva piovuto, il sellino della mia bici era tutto bagnato, e mentre cercavo qualcosa per asciugarlo mi spunta Gō da dietro e con un asciugamano me lo asciuga tutto per bene!!!!!!!!!! :O
Poi è tornato alla porta e, sempre salutando, non è rientrato finchè non mi sono completamente allontanata con la bici.

Io sono rimasta sbalordita. E sì che ormai dovrei essere abituata al cutomer service giapponese!

Ah, per la cronaca, il taglio è bellissimo!!!!XD

9 commenti:

Gabbri ha detto...

Praticamente ti hanno dato anche la Garanzia.

Il post è molto interessante (anche io ho sempre sofferto fastidi al collo durante gli shampoo) ma ha un graaaaaande difetto: non hai postato la foto del risultato!
Bea facci vedere!!! :D

pasadena ha detto...

Ciao, dopo questo post credo che ti chiederò quando verrò in Giappone metterò in conto un appuntamento dal parrucchiere! Dici che anche se non capisco niente, può essere un'esperienza così piacevole? Piuttosto mi porto il classico ritaglio dal giornale ;-)

ps grazie per il commento gentile

Anonimo ha detto...

Un servizio impeccabile ad un prezzo fantastico*-* la prossima volta taglio i capelli a Tokyo! Grazie per la dritta che mi hai dato sul blog di luca, non sapevo che esistesse un tipo di spedizione apposita per i libri! (anche se in quell'occasione la colpa è stata mia, perché ho chiesto proprio la modalità più economica^^;)
Essendo very addicted alle cose inutili, d'ora in poi mi avrai tra i tuoi affezionati lettori!!!

miriam

Irene ha detto...

Sono senza parole!
E' la prima volta che leggo il tuo blog e già mi imbatto in un articolo così divertente e interessante! Soprattutto sapere che si viene accolti in questo modo dai parrucchieri giapponesi mi spinge a voler provare almeno una volta!! :D
Sugoi!!!!!!!!!!!!!

Bear ha detto...

Grazie a tutte!:) Sono contenta che il mio blog interessi a qualcuno (ah ah ah ah). Mi scuso in anticipo per la lentezza dei post, ma sono una bestia da questo punto di vista :p

Anna lafatina ha detto...

Davvero esilarante!
Che meraviglia però la gentilezza dei giapponesi mi affascina da morire!
E come ha detto Irene è la prima volta che capito da queste parti e già ho deciso di aggiungerti tra i miei preferiti! Posso?

Bear ha detto...

Grazie mille Anna! Mi spiace solo che per il momento non riuscirò ad aggiornarlo perchè da qualche mese ho un nuovo lavoro che non mi lascia tempo per fare nulla. Inoltre mi sono impelagata in un'altra attività. Però faccio sempre un sacco di foto e spero di riprendere a postare prima o poi...ovviamente se vuoi puoi aggiungermi! Anzi, ne sono davvero felice!!! :D Ti aggiungo anch'io!

Anonimo ha detto...

Ciao, sono Stefano di Milano...
l'estate scorsa sono stato in Giappone x 3 settimane....
che dire ?
non posso che confermare quanto detto all'inizio di questa discussione....
i giapponesi sono un popolo fantastico....sono altamente avanzati come tecnologia,precisione,PUNTUALITA'...e nel contmpo hanno mantenuto la loro proverbiale ospitalità,gentilezza,educazione...

spero solo che non finiscano con il copiare troppo l'america...altrimenti l'unico,ultimo,vero baluardo sparirà dalla faccia della terra....

popolo fantastico,peccato sia molto difficile imparare ideogrammi (soprattutto il kanji)
mi piacerebbe tantissimo vivere lì...
chissà ... forse un giorno....

JAPAN FOREVER !!!!!

:)

Bear ha detto...

Ciao Stefano!
Grazie per il commento! Eh si, sono d'accordo con te...da questo punto di vista i giapponesi sono i migliori e spero anch'io non si facciano influenzare dall'America (che comunque odiano) o anche da noi, eh eh eh...ma loro sono bravi a prendere quello che gli conviene! ;)